fbpx
Ph Federico Gaudino

Una terra, cento vini

Sardegna in calice

La Sardegna è una delle regioni italiane con la maggiore varietà di vitigni autoctoni. Merito delle differenti tipologie di terreni (vulcanico, sabbioso, argilloso) che compongono quest’isola unica e che portano ad avere nel bicchiere sempre vini di grande personalità. È una grande fortuna poterla girare alla continua ricerca di grandi e piccole realtà vitivinicole che, grazie a una spiccata cultura dell’accoglienza, riescono a raccontare la propria storia e le loro tradizioni tramite un calice di vino. Ecco quindi un viaggio in cui abbiamo percorso in lungo e in largo, dalle coste all’entroterra, questo straordinario territorio così votato alla cultura del vino, nella certezza di farvene innamorare!

PARTEOLLA

Partiamo dalla regione del Campidano, una vasta pianura circondata da colline che guardano il mare e vengono accarezzate dai venti caldi del sud: qui vengono coltivati i vitigni storici del territorio come Cannonau, Monica, Bovale, Vermentino e Nuragus ma anche Malvasia, Girò e Nasco. Se vi trovate nei pressi di Serdiana, fate una visita alla cantina “Audarya”, realtà vitivinicola di lunga tradizione ma con un occhio rivolto sempre all’innovazione. Grazie ai suoi giovani e intraprendenti proprietari (Nicoletta e Salvatore), l’accoglienza nei confronti di curiosi e appassionati di vino è molto apprezzata.

SULCIS

Vigneti affacciati sul mare, dove l’indiscusso protagonista è il Carignano. Siamo nella regione del Sulcis dove questo vitigno antico a bacca rossa, che in alcune zone cresce ancora a “piede franco”, racconta alla perfezione un territorio ricco anche di spiagge splendide. Le uve Carignano del Sulcis (marchio IGT) regalano un vino rosso eccezionale. Nel comune di Giba l’omonima cantina costituisce una realtà dinamica con vigne secolari.

ORISTANESE

La Valle del Tirso, nella provincia di Oristano, è la culla dove nasce lo storico vitigno della Vernaccia, conosciuto per la sua unicità e la sua grande capacità di invecchiamento. La Cantina della Vernaccia di Oristano, dal 1953, valorizza questo vitigno in ogni sua espressione: da quella fresca e giovane alla classica e tradizionalmente invecchiata in botti di castagno o di rovere che conferiscono i tipici profumi mandorlati.

MARMILLA

I maestosi altopiani della Giara di Gesturi, alternati a morbide colline caratterizzano la regione della Marmilla. È su questi fecondi terreni che nasce la Cantina Lilliu, guidata da Pietro e Roberta: vini dal carattere forte, che ben si identificano questo territorio unico e tutto da scoprire.

BARBAGIA

Salendo di quota, il triangolo compreso fra Sorgono, Mamoiada e Oliena costituisce una zona di produzione di grandi rossi. Ai piedi del Monte Corrasi, nel cuore dell’Aspromonte, è d’obbligo degustare il Nepente di Oliena (così viene chiamato il Cannonau prodotto qui). La cantina dei Fratelli Puddu coccola i suoi visitatori con degustazioni di questo grande vino in ogni sua forma (spumantizzato, vinificato in bianco oltre al classico rosso) accompagnati da ottimi salumi di produzione propria.

SARRABUS e OGLIASTRA

Altre regioni sarde celebri per le uve Cannonau sono il Sarrabus e l’Ogliastra. A Lotzorai l’Azienda Agricola Pusole imbottiglia nel rispetto della tradizioni ottimi rossi. Mentre a Castiadas, da 60 anni, l’omonima Cantina rappresenta una delle più vivaci realtà cooperative della zona.

GALLURA

La Gallura, terra del Vermentino, è l’unica DOCG sarda. Il Vermentino di Gallura ha trovato infatti in questi territori le condizioni ideali per raggiungere i massimi livelli qualitativi. Sono tante le aziende che lo vinificano: a Luogosanto ecco i ricchi vigneti della cantina Siddùra, immersa in un contesto naturale mozzafiato. L’azienda è visitabile ed è possibile degustare i vini in produzione.

NURRA

Le vigne dell’Algherese regalano una produzione vinicola vivace e variegata. Dal 1995 sotto la denominazione “Alghero Doc” si producono rossi, bianchi e rosati oltre ai vini varietali come il Torbato, Sauvignon, Chardonnay e Vermentino tra i bianchi, il Sangiovese, il Cabernet Sauvignon, il Cabernet Franc e il Cagnulari tra i rossi. La terra argillosa e calcarea caratterizza le produzioni vitivinicole di Tenute Dettori. A perdita d’occhio i filari della cantina Sella&Mosca disegnano il territorio con migliaia di strisce verdi parallele l’una all’altra.

 

 

Sardinia Magazine è un progetto di promozione turistica ideato e sviluppato da:

EDITORE
Sardinia Magazine Srl
Via Cocco Ortu n.89 – 09128 Cagliari
P.Iva 02667520924
Registrazione Tribunale di Cagliari n. 04/06.
Direttore Responsabile: Fabio Usai

Puoi contattarci utilizzando i riferimenti in basso.

E-mail: sardiniamagazine@gmail.com